giovedì 11 dicembre 2014

Insalata di alghe e arance





Cercavo una ricetta particolare, un'idea adatta per le feste.
E così... ho deciso di rendere vegan l'insalata di aringhe e arance!

Ecco come ho fatto:

Mondate tre arance e tagliate, a ciascuna, le due estremità più piccole,  poi tagliate il resto più grande di ogni arancia a fette tonde.

Ora impiattate mettendo prima le fette di arancia ed a seguire le alghe (sciacquate leggermente in precedenza; io uso il mix kombu, dulse e nori), circa un quarto di porro tagliato a rondelle e sparso a pioggia, sale, olio e foglie di prezzemolo fresco.

Adesso non resta che servire questo contorno proprio durante i vostri giorni di festa!

Biancaneve Remake




Questa è una ricetta molto particolare, visto che, essendo un appassionato anche della serie "Once Upon A Time", l'ho dedicata al mio personaggio preferito; giusto, proprio lei: Biancaneve.
E siccome quello è pure il nome di una pizza,  ho deciso di farne una mia, ovvero un remake, cercando di rispecchiare nel piatto gli stessi caratteri del personaggio.

Iniziamo:

Prendete, o preparate, la base per pizza, strofinatela con uno spicchio d'aglio e, dopo, spalmatevi sopra la salsa di pomodoro, salate senza esagerare e infornate.
Appena la pizza è cotta, toglietela dal forno e metteteci sopra dei dadini di mozzarella di bufala, la scorza grattugiata di un limone (lavatelo bene prima), peperoncino in polvere (una punta), qualche foglia di basilico fresco, un filo di olio e servite.

Che devo dirvi? Vi sentirete molto Regina Cattiva mentre la mangiate; del resto, sono convinto che piacerebbe anche a lei.
Almeno così può dire di aver catturato Biancaneve!  :-P

mercoledì 3 dicembre 2014

Fagiolini in insalata




Nuova ricetta, stavolta ispirata da una rivista, e sempre leggermente modificata.

Cuocete i fagiolini a vapore (come vi ho insegnato in quest'altra ricetta), poi metteteli da parte e lasciate che si raffreddino.
Nel frattempo, tagliate, a fettine e per il lungo, mezza cipolla rossa e una mela a spicchi non troppo grossi (guardate la foto per capire tutto). Unite questi due ingredienti ai fagiolini freddi e, dopo, condite con olio, sale e menta fresca spezzettata (con tanto di forbici).
Mescolate bene e servite, spolverando con un trito grossolano di mandorle tostate.

Un successo semplice, fresco e gustoso. Assaggiando scoprirete il perché!  Provate!

martedì 2 dicembre 2014

Sapore di mare




Oggi voglio condividere un'altra ricetta. Un altro primo. Con trucco!
Il perché? Basta poco ad avere un sapore di mare. Anche nei piatti vegan!

Ma adesso passiamo alla ricetta:

Prima di tutto, prepariamo un pseudo ragù vegetale rosolando, in olio caldo e a fuoco medio, poca cipolla tritata e due carote tagliate a dadi non troppo piccoli.
Quando le ultime saranno leggermente morbide, aggiungere la salsa di pomodoro, sale, basilico fresco spezzato con le mani e pepe nero macinato al momento, poi alzate poco la fiamma e fate cuocere fino ad ottenere proprio la densità del vero, ma crudele, ragù.
Spegnete il fuoco e lasciate coperto, al caldo.

Cuocete i fusilli (o altra pasta corta) in acqua salata bollente e, una volta cotta, scolatela, saltatela nel sugo preparato in precedenza e, infine, servite.

Tutto qui! Non ha il sapore del mare?

Solo un'ultima nota: potrebbe esserci una possibile variante dello stesso piatto, più avanti.
E dove vi aspetta? Sempre qui, nel mio blog!  ;-)

giovedì 27 novembre 2014

Sughetto veg multicolor... e non solo!




Per prima cosa, cuocete la pasta corta (una abbastanza grande, così che possa raccogliere il sugo) in acqua salata bollente.

Nel frattempo, prepariamo il condimento:
iniziate rosolando, a fuoco basso, dei cipollotti (o porri) tagliati a rondelle sottili, fino a quando non si saranno ammorbiditi; quando ciò accade, aggiungete i peperoni (mondateli prima, togliendo semi e filamenti bianchi all'interno) tagliati a fette non troppo spesse, alzate leggermente la fiamma e portateli a cottura a pentola coperta, mescolando ogni tanto.
Quando anche loro diventeranno morbidi, aggiungete (io qui vado ad occhio) delle bacche di goji, il succo di un'arancia, coriandolo macinato al momento, menta fresca spezzettata.
Mescolate bene, e a fiamma vivace, per amalgamare, poi spegnete il fuoco.

Ora scolate la pasta, conditela con la salsa appena preparata e servite caldo, spolverando con un trito di mandorle tostate.

Gustate questo piatto multicolore e... sognate!

martedì 28 ottobre 2014

Fagioli express all'orientale






Adesso vi propongo un'altra ricetta che, come nel mio stile, vi farà viaggiare in Oriente, pur restando comodamente seduti a casa propria. 

Iniziamo:

Cuocete il riso Thai in acqua bollente salata; basteranno solo dieci minuti, in questo caso. 
Nel frattempo, rosolate nell'olio caldo, velocemente e a fuoco medio / vivace, un bel pezzetto di zenzero fresco grattugiato, fino a quando non ne sentite il profumo; poi abbassate di poco la fiamma e unite una carota e una zucchina, tagliate entrambe a mezzaluna, e fate saltare finché le verdure si saranno leggermente ammorbidite ( ricordatevi di tenerle sempre un po' croccanti, aggiustate di sale e aggiungete una punta (sempre di coltello) di peperoncino.
A quel punto, unite i fagioli (siano rossi, neri non importa; vanno bene comunque!) già cotti, con tanto di cipolla e sedano, alle verdure e saltate il tutto nuovamente,  ma a fuoco vivace. 
Quando i legumi saranno caldi, spegnete il fuoco e tenete al caldo. 

Ora scolate il riso e servite il tutto, così come nella foto. 

Si mangia insieme e impiattando verdure e riso l'uno accanto all'altro. 

Un'ultima cosa: provate a chiudere gli occhi mentre lo assaporate... non vi sembrerà di essere nel mondo di Aladdin?

martedì 21 ottobre 2014

Verdure in salsa Thai al curry


Nel mio blog sono già esistenti due ricette thailandesi.
Ed ora siamo alla terza!  (Si nota che adoro la cucina etnica?  ;-) ).

Quindi... vi insegno a prepararla, così avete un "menù Thai" quasi completo; manca solo il dolce, infatti!

Iniziamo, preparando la salsa:

mettete in un pentolino 150 ml di latte di riso, sale, pepe, una punta (di coltello) di peperoncino, mezzo cucchiaino circa di curcuma e un cucchiaio di maizena, poi portate tutto ad ebollizione, a fuoco medio e mescolando bene con una frusta finché la crema non assume l'aspetto di una besciamella gialla e leggermente densa.
Spegnete il fuoco e tenetela da parte; e qui non vi preoccupate se vi sembra liquida... diventerà più densa, raffreddandosi.

Nel frattempo, tagliate una carota ed una zucchina (entrambi abbastanza  grandi), prima per il lungo; poi tagliate le due metà creandone altre due (di poco più piccole) e,  alla fine,  tagliate queste ultime in orizzontale. Così otterrete delle fette "a quarti".
Rosolate le verdure assieme e in olio ben caldo, fino a quando non vi sembreranno ammorbidirsi, restando ancora leggermente croccanti;  quando ciò accade,  versateci sopra la salsa al curry preparata in precedenza ( è segnata sopra), mescolate bene e servite.

Questa ricetta potete usarla per condire la pasta lunga oppure accompagnarla con del riso bianco.

Ultima nota: le dosi da me scritte sono per due/tre persone, ma consiglio di raddoppiare.
Capirete perché dal loro sapore!

martedì 7 ottobre 2014

Dedicato a Pechino Express

Come amante dei viaggi e, di conseguenza, delle avventure in posti orientali ed affascinanti, posso rivelarvi che sono un fan del reality "Pechino Express"; un gioco dal sapore e dall'atmosfera imprevedibile!

E così... ho deciso di viaggiare, con la mente,  nei loro stessi posti.

Quindi... viaggiatori preparatevi! Destinazione Thailandia!


Cuocete gli spaghetti ( di riso o farro o kamut; sono tutti adatti per questa ricetta! ) in acqua salata bollente.
Nel frattempo, unite, in una piccola ciotola, uno spicchio d'aglio tritato assieme a tre cucchiai di Tamari (salsa di soia salata) e tre cucchiaini da te di zucchero di fiori di cocco;  mescolate bene e mettete da parte.

Quando la pasta è quasi al dente, scolatela, mettetela in una padella dai bordi alti ( tipo wok ) bella calda, versateci sopra la salsa preparata e saltate tutto a fiamma medio/vivace, mescolando bene. E qui non spaventatevi per il colore che assume!

Adesso non resta che Impiattare, spolverando con striscioline di basilico fresco,  e servite subito.

Buon viaggio, Viaggiatori! ;-)

lunedì 29 settembre 2014

Margherisella e rucola


Oggi,  per la prima volta, una pizza completamente vegana, che ricorda quasi la famosa Margherita, visto che è tricolore proprio come lei.

Vediamo adesso come si prepara:

Prendere la base di pasta per pizza già pronta, spalmarvi sopra un bel po' di salsa di pomodoro, salare e infornare.
Nel frattempo, tagliate circa mezzo pacchetto di mozzarisella ( o mozzarella di riso) prima a fette rotonde, poi a strisce e, infine,  tagliate queste ultime a dadini, proprio come nella foto.

Appena la pizza è cotta, toglietela dal forno e aggiungetevi sopra la rucola (io adoro sempre quella piccola in busta, perché non è amara) e i dadini di mozzarisella precedentemente preparati; ricordandovi di spargerli per bene sulla base!

Ed ora non resta che servire, completando il piatto con un filo d'olio, e gustare!

sabato 20 settembre 2014

Muesli vegan


La difficoltà maggiore per i vegani è trovare un'alternativa al muesli, visto che solo a pochissime persone piace il, per me nauseante, gusto dell'avena.
E così, grazie ad una ricetta inglese, ora posso dire che non mi manca!

Vediamo come si procede:

Prima di tutto, tostare le mandorle (potete farlo in padella o al forno; basta che diventino croccanti e un po' bionde) e ammolare l'uvetta per dieci minuti.
Una volta fatto questo, mettere in una tazza da colazione mezza mela tagliata a dadini (non troppo piccoli ), le mandorle tagliate a lamelle (o a pezzetti) e l'uvetta strizzata.
Mescolare bene e unire, quasi a filo (ma solo per riempire la tazza; proprio come nella foto) il latte di mandorla.
Mescolare di nuovo e, se piace,  spolverizzate con cannella in polvere e servite.

Piccola ultima nota: volendo imitare la pubblicità, potete aggiungere al muesli anche dei pezzetti di cioccolato fondente (esiste vegan; ed è quello Modicano).

giovedì 18 settembre 2014

Pizza Soft Fusion


Qualche giorno fa avevo voglia di pizza; non della classica, ma di una abbastanza sfiziosa.
E così... mi sono inventato la seguente ricetta, che unisce Grecia ed Occidente.

Cuocere la base per pizza, nel forno e in bianco (ovvero senza niente); poi; una volta cotta, sfornarla e mettervi sopra un misto di formaggi (feta greca e gorgonzola dolce) tagliati a dadini, semi di finocchio macinati al momento (o pestati in precedenza) e completare con un cucchiaio, ma anche due; si deve sentire, di miele d'acacia. È da spargere a filo.

Ora non resta che servire e gustare!

mercoledì 20 agosto 2014

Riso venere ai fichi


I frutti più dolci dell'estate stanno per arrivare (o forse sono già arrivati)!
Ma, nel caso in cui risultano essere disponibili, eccovi un'interessante idea.

Premessa: cuocete il riso Venere (quello nero) in acqua salata bollente; lo so è una cottura lunga in questo caso, ma per il piatto serve proprio quel riso!

Ed ora passiamo alla ricetta:

Prendete il riso Venere già cotto e, se è freddo, riscaldatelo, senza niente e a fuoco basso, in una padella antiaderente. Una volta caldo mischiatelo con dei pezzetti di gorgonzola piccante (qui abbondate, perché il formaggio deve sentirsi).

Appena avete fatto quest'operazione, mettete in un piatto un letto di rucola, possibilmente non amara, poi il riso al gorgonzola a mo' di vulcano (senza cratere) e, alla fine dei fichi freschi (lavateli prima!)  tagliati a spicchi e con tutta la buccia.

Tutto qui! Non resta che servire, completando ogni piatto con un filo d'olio.

E, come dire, anche con l'aiuto della semplicità si può creare un piatto da ristorante!



domenica 10 agosto 2014

Caprese vegana



Visto che troppo caldo, soprattutto quaggiù in Sicilia, si necessita di un piatto fresco.

Ed eccolo qui: una caprese!

Iniziamo a prepararla:

Prima di ogni cosa, sciacquate i capperi a lungo, ma non troppo (un pochino di sale deve restarci; serve per dare sapore), poi tritateli e metteteli da parte.
Ora mettete in un'insalatiera dei pomodori (o pomodorini freschi) tagliati in quattro o, se grandi, a fette non troppo piccole, e mescolateli a cipolle rosse tagliate a fettine sottili.
Dopo prendete la mozzarisella (mozzarella di riso, stavolta in versione solida), tagliatela a rondelle e, poi, tagliate le fette a metà. Infine ponete le mezzelune di mozzarella come nella foto.
Aggiustate di sale, condite con olio e spolverizzate il piatto con il trito di capperi e origano secco (la ricetta originale prevedeva anche il basilico fresco spezzettato, ma io ho preferito un solo aroma).
Se piace, potete anche metterci del pepe nero.

Adesso... servite e gustate questo piatto fresco!





Con questa ricetta partecipo al contest "Pomodoro & Mozzarella" del blog La Scimmia Cruda.

mercoledì 30 luglio 2014

Tortellini aromatici... sprint!


Oggi vi propongo una ricetta gustosa, velocissima, ma anche insolita!
Ingrediente principale: dei tortellini vegan con spalmarisella e spinaci (per i vegetariani vanno bene anche i classici ricotta e spinaci, decidete voi quale versione fare!).


E adesso... iniziamo:

cuocere i tortellini in acqua bollente leggermente salata (i tortellini sono già salati,  quindi... non esagerate!); nel frattempo fate rosolare, a fuoco medio/vivace, delle foglie di salvia fresca spezzettata in olio caldo. Appena se ne sente il profumo, spegnere il fuoco.

Appena la pasta ripiena è cotta (occhio alla versione vegan; quel tipo di tortellini si cuociono in tre minuti esatti),  scolatela, versate nell'olio aromatizzato, aggiungete un bel pezzetto di zenzero fresco, prima pelato e poi grattugiato, fate saltare il tutto a fuoco vivace e, alla fine, spegnere il fuoco, aggiungere due manciate di uvetta precedentemente ammollata in acqua calda ( potete usare quella della pasta) e servire.


martedì 15 luglio 2014

Caponata fredda su caldo di bruschetta


Un antipasto goloso e insolito: un po' bruschetta e un po' caponata; due ricette di casa che, spesso, risultano complesse, come per la seconda, ad esempio.
Quindi... perché non unirle?

Procediamo:
prima di tutto,  tagliare il pane a fette non troppo spesse e tostarle in forno finche non saranno belle croccanti!
Appena il pane si sarà tostato, togliere dal forno e ricoprire ogni fetta con peperoni e zucchine già grigliati, uvetta (da sciacquare rapidamente con acqua calda prima di posarla sulla fetta) e,  dopo,  condire il tutto con sale, olio e peperoncino in polvere ( anche se potrebbe andare bene pure quello fresco; serve solo trovarlo! ).

Tutto qui!

Quello che resta da fare è servire, magari su un tagliere così da darle un aspetto più rustico.


Con questa ricetta partecipo al Contest "Ricette di Casa"  di CheZuppa.com



venerdì 4 luglio 2014

Fagiolini al pomodoro ed erbe


Oggi vi propongo una ricetta semplice,  veloce ed estiva.

Prima di tutto pulite dei fagiolini freschi togliendo le due piccole estremità e cuoceteli a vapore (se il tempo è poco, vi permetto di comprarli già cotti).
Quando saranno morbidi e sodi, teneteli da parte.

Ora rosolate,  in una padella dai bordi alti ( tipo wok) e a fuoco medio/ basso, tre spicchi d'aglio in poco olio. Appena si saranno dorati, versate subito i fagiolini, abbassate la fiamma e fateli scaldare in maniera omogenea.
Quando anche quelle verdure saranno calde, aggiungete dei pomodori tagliati in quattro (ne bastano due/tre per tre o quattro manciate di fagiolini), alzate il fuoco a fiamma media, rosolate mescolando per due minuti, poi spegnete il fuoco.
Spolverate il piatto con un trito di menta fresca e maggiorana (anche lei fresca), mescolate bene, servite e... gustate!

A proposito,  vi consiglio di cuocere a vapore anche delle patate assieme ai fagiolini.
Il perché? Molto presto posterò una squisita ricetta anche con loro!

giovedì 19 giugno 2014

Bastoncini di "pesce" e "crema pasticcera"



Ebbene sì, sono un fan del più famoso Dottore di Rai 4: Dr. Who! Il mio preferito è l'undicesimo (Matt Smith) e questa ricetta la dedico proprio a lui,  visto che è quello che riesce a mangiare quando incontra,  per la prima volta,  Amy Pond.

Lui però preferisce una versione più crudele che non mi azzarderei a sperimentare e, quindi,  ho preferito veganizzare il piatto. E così, quando ho trovato la ricetta della finta crema pasticcera con le mele è scattata l'idea.

Ma ora passiamo all'azione; Allons-y!

Per la finta crema: sbucciare due mele, togliere il torsolo e tagliare la polpa a pezzi non troppo piccoli, poi metterli in un pentolino e cuocerli a fuoco basso finché non si saranno ammorbiditi.
Quando i pezzi di mela diventeranno morbidi, frullarli assieme a un cucchiaino di maizena (ma va bene anche la farina di riso; io ho quella impalpabile) e mezzo di curcuma fino ad ottenere la stessa  densità della crema pasticcera.

Per i finti bastoncini di pesce: marinare, per dieci minuti, il tofu, tagliato prima a bastoncini, in acqua e salsa di soia in parti uguali. A parte,  mischiare il pangrattato a un pizzico di sale e del rosmarino (qui potete anche abbondare) e,  dopo,  scolate il tofu dalla marinata, impanatelo e friggetelo in immersione.
Una volta  fritto,  mettete su carta assorbente.

Ora non resta che mettere i bastoncini nel piatto e la crema al centro, aggiustare di sale (poco per le mele) e pepe ( consiglio il nero) e servire.


E ora divertitevi a pucciare i bastoncini nella crema, magari davanti alla tv durante una partita di calcio o,  se non vi piace, un episodio di Dr. Who!

giovedì 12 giugno 2014

Insalata in stile Thai


Per prima cosa, lavate due carote, tagliatele a rondelle sottili e, dopo, tagliate queste ultime a metà; poi sbucciate due kiwi sodi e tagliateli a pezzetti (l'importante che non siano troppo piccoli).
Riunite le verdure in un'insalatiera e tenetele da parte.


Adesso preparate un condimento particolare, che io chiamo "Finto Curry", facendo un'emulsione con olio, sale, un cucchiaino di curcuma e un'abbondante, ma non troppo, spolverata di pepe misto (sarebbe un mix di pepe nero, bianco, verde e rosa, tutto in grani e macinato al momento).

Adesso non resta che servire l'insalata a tavola e condirla con la salsina.



lunedì 26 maggio 2014

Ratatouille di legumi

Oggi cucina francese!

Cominciamo:

Tagliare due carote medie a rondelle e, poi, tagliare le stesse a mo' di mezzaluna; dopo rosolarle, in una padella dai bordi alti e in olio evo, a fuoco medio.
Quando si saranno leggermente ammorbidite, aggiungere quattro cucchiai di legumi (un misto di fave e piselli cotti in precedenza con un po' di cipolla) e fare scaldare il tutto.
Verso fine cottura, aggiungere poca salsa di pomodoro (serve per dare colore e anche sapore), salare, far scaldare pochissimi minuti a fuoco vivace e, alla fine, spegnere il fuoco e servire, spolverando con del coriandolo macinato al momento.

Se piace, servire accompagnato da del pane di segale, ma va bene anche quello normale!

venerdì 23 maggio 2014

Oggi pesto: un bis di ricette



Prima ricetta: PESTO DI SPINACI

Lavare gli spinaci, poi cuocerli in una padella antiaderente, senza niente e con la loro acqua di cottura, a fuoco medio - basso fino a farli leggermente ammorbidire (devono restare quasi crudi).
Ora prenderli e frullarli assieme a mandorle, olio, sale, due bei pezzetti di zenzero grattugiato e una manciata di uvetta passa (andate ad occhio; l'importante è sentire anche gli ultimi due ingredienti oltre a quello principale) fino ad ottenere un composto denso.

Tutto qui!
Condite la pasta e sentirete che bontà!


Seconda ricetta: PESTO DI FINOCCHIETTO SELVATICO
(Questa ricetta è facilissima e proviene dal grande Simone Rugiati).


Lavare il finocchietto selvatico fresco e frullarlo con mandorle (mia piccola variante; Simone usa i semi di zucca), olio, sale, scorza grattugiata di un arancia e succo di mezza (sempre la stessa arancia) fino ad ottenere il solito composto denso.
E, anche in questo caso, condite la pasta e servite!
Un consiglio su questa ricetta: è più buona il giorno dopo!



sabato 29 marzo 2014

Spaghetti al ragù di carote


Questa ricetta nasce da una collaborazione,  che voi scoprirete più avanti,  con un gruppo di Facebook in cui si dimostra cosa mangiano i vegani.
E non è la classica erba, ma piatti leggeri e gustosi. Proprio come quello in foto.

E adesso... ve lo insegno:

Stufare in una padella, e in poca acqua (direi circa tre mestoli piccoli), una carota e mezzo cipollotto, a cui avete tolto la parte esterna, quella dura (di solito si usa solo la parte bianca, ma lasciate attaccata anche un poco di parte verde) tagliati a dadini. Fate cuocere a fuoco basso finché le verdure non si saranno ammorbidite.

Nel frattempo, cuocete gli spaghetti come al solito.

Appena carote e cipollotto sono diventati morbidi, spegnete il fuoco e frullateli con olio, sale, peperoncino in polvere (qui abbondate, ma non troppo!) e prezzemolo fresco,  fino ad ottenere una salsa omogenea (non vi preoccupate se rimane qualche pezzo intero delle carote;  al massimo diventa più buona! )
A salsa fatta,  scolate la pasta e conditela con questo sughetto arancione aggiungendo, se necessario, un po' d'acqua di cottura della stessa.

Ed ora... servite!

Un piatto che sembra fatto con niente, ma con un grande sapore!

lunedì 24 marzo 2014

Voglia di MasterChef!

Oggi presenterò un piatto davvero particolare, ma sempre vegan, ai miei "giudici" e lettori.



Strano, vero?

Ed ora iniziamo:

Prima di tutto tagliare a rondelle una confezione di wurstel di tofu e, dopo, rosolarli a fuoco medio in una padella antiaderente con olio e sale per circa sette minuti.
Mettere da parte una volta pronti, cercando di mantenerli in caldo.


Adesso pulire la padella passando al suo interno un tovagliolo di carta assorbente.

Pulire e tagliare la mela a dadini e rosolarla senza niente e per pochi minuti; devono spezzarsi, ma restare ancora croccanti. Salare, spolverizzare con timo fresco e spegnere il fuoco.

Impiattare il tutto come nella figura e servire in tavola.

Ecco qui! Anche ai vegan basta poco per sentirsi a MasterChef!

mercoledì 12 marzo 2014

Insalata con mela e feta


Oggi ho una grande voglia di proporvi questo piatto semplice, veloce e fresco; e non è necessario accendere qualcosa!

Quindi... iniziamo:

Mettere in un'insalatiera una mela (lavatela per bene;  non serve togliere la buccia) tagliata a dadini e spruzzate con poco succo di limone, due mezzi pezzi di feta greca, olio, sale, pepe nero macinato al momento e foglie di menta fresca spezzettata (io adoro tagliarla con le forbici da cucina).
Mescolate bene, unite un filo di aceto balsamico e servite.

Non serve mescolare una seconda volta;  accadrà direttamente nel piatto mentre la gustate!

lunedì 3 febbraio 2014

Consomme' vegan di fagioli



Sapete che nelle cucine di certi chef esiste una specie di zuppa, piena di crudeltà anche se è presente la crepe.
E così... ecco la mia versione!

Preparazione:

Come prima cosa, preparate una pastella con 120 gr. di farina e circa 300 ml di acqua (sarebbe meno di mezza bottiglia da un litro), salare poco e tenere da parte.

Dopo bisogna solo riscaldare dei fagioli e, una volta fatto, tenerli in caldo.

Ora prendete la pastella, che si sarà riposata, e versatela in una padella con olio caldo, cercando di creare una specie di crepe.
E qui c'è lo sbaglio, ma è fatto apposta: quando l'impasto è solido ed ancora morbido, stracciate la crepe facendola a pezzi.
Saltateli nella stessa padella aggiungendo poco olio, se è il caso.

Adesso siamo alla fine: versate nel piatto fagioli e "pasta" così come vedete nella foto e servite con un filo d'olio e una spolverata di peperoncino in polvere.

Con questa ricetta partecipo al contest "una tavola senza sprechi" del blog Cortesie in cucina

e partecipo al secondo contest "Il Bianco e il Nero" di terra e farina.


giovedì 30 gennaio 2014

Ceci all'arancia



Nel  menù del blog oggi troviamo... un piatto davvero insolito!

Preparazione:
prima di tutto riscaldate in un pentolino 200 gr. di ceci già cotti. (Se è necessario, aggiungete pochissima acqua così da non farli attaccare).

Quando i ceci si saranno riscaldati, aggiungere un bicchiere di succo d'arancia e un cucchiaio (non troppo colmo) di farina di riso impalpabile.
Dopo cuocere a fuoco moderato fino a quando il succo sarà cremoso e leggermente denso.
Spegnere il fuoco e impiattare.
E ora... non resta che servire versandovi sopra un filo d'olio e una spolverata di prezzemolo fresco tritato.

Fatto? Bene... gustatevi questo piatto, davvero "azzardato", magari accompagnato da qualche piadina (o simili).